Autonomia, i veri numeri della spesa: al Nord più soldi pubblici che al Sud

Come fanno i soldi nel nord, Coronavirus, Pino Aprile: “Soldi del Sud dirottati al Nord. Qui abbiamo gestito meglio”

È esattamente il contrario. Lo Stato, se si considera nella sua accezione più allargata che ricomprende, per esempio, anche gli enti previdenziali, impiega decisamente più risorse nel Nord del Paese che nel Mezzogiorno. A ribaltare la prospettiva sono i dati consegnati ieri dalla Svimez alla Commissione finanze della Camera dei Deputati, dove il presidente Adriano Giannola e il direttore generale Luca Bianchi, sono stati ascoltati in un'audizione sul regionalismo differenziato chiesto da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Fondi Lega, Finanza a caccia dei 49 milioni di euro: indagato ora l'assessore lombardo Bruno Galli Fino ad oggi il dibattito sulla spesa pubblica nelle Regioni è stato basato sulla spesa regionalizzata al netto degli interessi sul debito pubblico elaborata dalla Ragioneria generale dello Stato. Ma il problema dei dati utilizzati dalla Ragioneria, spiega la Svimez, è che considerano soltanto una piccola fetta della spesa pubblica nelle Regioni.

L'aspettativa di vita dei ricchi settentrionali è di dieci anni più dei poveri meridionali. Senza denaro, azzoppata la funzione sociale della Scuola. Cittadinanza negata al Sud, che viene abbandonato. A questo non è certo estranea quella legge sul Federalismo fiscale voluta dalla Lega Nord nel e che ha affossato il Meridione, che ha perso ben 62 miliardi di euro di trasferimenti statali a tutto vantaggio del Settentrione.

La Fabbrica dei Soldi

Il presupposto è che, per esempio, sul fronte della Sanità al Nord dovrebbero ricevere più denaro perché sono più efficienti.

Più o meno lo stesso sistema del Federalismo fiscale: siccome abbiamo sempre speso tanto e siamo efficienti, dobbiamo spendere ancora di più.

come fanno i soldi nel nord

Si omette che i fiumi di denaro spesi in Lombardia erano giustificati anche da un sistema corruttivo per il quale fu condannato anche un presidente della Regione. Se a un Comune dai duececentosessanta per gestire dei servizi e a un altro solo uno per i medesimi servizi, non puoi invocare la cattiva gestione locale.

Facciamo il caso di Catania: in una città in cui il tempo prolungato dovrebbe essere un pilastro sociale, invece, praticamente, non esiste.

come fanno i soldi nel nord

Gli edifici scolastici, e siamo in una zona sismica, non sono sicuri. Inoltre viene negata una medicina del territorio fatta bene: o ti servi del medico di base o vai al pronto soccorso.

E davvero non comprendo la scelta dei governi regionali, a cominciare da quello guidato da Rosario Crocetta, di riversare fiumi di denaro sulla Sanità privata anche in settori che andavano bene, come quello oncologico.

come fanno i soldi nel nord

Ma occorrono soprattutto cittadini consapevoli, che sappiano chiedere con orgoglio, che non si facciano mettere i piedi in testa da chi vuol venderci i nostri stessi diritti. Potrebbe interessarti anche:.

I tamponi? Infatti, in Campania è stato destinato un tampone ogni 50 abitanti.